Languages Englishrussian/русскийespañol Social FacebookTwitterico yInstagram

Percorso

Una difesa fitosanitaria sostenibile per le api e per l’impollinazione

Raggiunta una importante intesa nazionale fra agricoltori, apicoltori, industria sementiera e altri protagonisti della filiera.

 Venerdì 15 settembre, a Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna, all’incontro organizzato da Osservatorio Nazionale Miele, Confagricoltura, Confederazione Italiana Agricoltori, Consorzio degli agricoltori moltiplicatori di seme, Assosementi, Confederazione agromeccanici e Agricoltori italiani (Contoterzisti), Federazione nazionale commercianti prodotti per l’agricoltura (venditori di fitofarmaci), Alleanza delle cooperative italiane agroalimentari e le organizzazioni degli apicoltori FAI e UNAAPI, a cui si è aggiunta ASSEME, hanno siglato l’intesa nazionale per contenere l'uso della chimica nel settore sementiero e in quello ortofrutticolo, attraverso la promozione di una difesa fitosanitaria sostenibile.

 La dimensione nazionale, l’allargamento al settore ortofrutticolo, l’adesione di nuove espressioni della filiera e delle Organizzazioni professionali agricole che hanno partecipato, attribuisce grande importanza al documento che rappresenta il naturale sviluppo del protocollo raggiunto ad inizio anno per il territorio emiliano-romagnolo, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna.

 Il raggiungimento dell’intesa è avvenuto grazie ad un approfondito e attento lavoro preparatorio, svolto con grande spirito costruttivo da tutte le parti e con il sostegno del Ministero delle Politiche Agricole.

 Un ringraziamento quindi va rivolto a tutti i protagonisti per aver saputo comprendere l’importanza dell’iniziativa che consente un fondamentale cambio di clima fra apicoltori e agricoltori, nell’interesse esclusivo del settore agricolo, di cui l’apicoltura fa parte, e dell’ambiente.

 Apprezzamento e gratitudine sono doverosi nei confronti della Regione Emilia-Romagna, che attraverso l’azione dell’Assessora Simona Caselli e del Servizio Fitosanitario regionale ha saputo aprire la strada a questo importante processo, e al Ministero delle Politiche Agricole che attraverso l’iniziativa politica del Vice Ministro Andrea Olivero e il supporto del Servizio fitosanitario nazionale ha reso possibile il raggiungimento di questa importante tappa di un processo che potrebbe avere ulteriori sviluppi, determinanti per l’agricoltura e l’ambiente.

 A partire da questo accordo, sarà possibile convocare al Ministero delle politiche agricole un tavolo tecnico, con l’obiettivo di accompagnare e facilitarne l'applicazione, di divulgarla, e ampliarne le adesioni.

 

0
0
0
s2sdefault